(5 marzo 2020)

VICARIATO URBANO

Vicenza, 05 marzo 2020

Ai presbiteri del Vicariato Urbano

al gruppo di diaconi volontari presso le celle

dell’obitorio dell’ospedale civile di Vicenza

Ai responsabili delle Imprese Onoranze Funebri

“Sono sospese le S. Messe esequiali; è consentita la benedizione della salma, in occasione della sepoltura***, alla presenza dei soli familiari e alle condizioni di cui al n. 1; le S. Messe esequiali potranno essere celebrate solo al superamento di questa fase critica”.

(art.1:  Per evitare assembramenti di persone l’accesso a tutti i nostri spazi aperti al pubblico sarà possibile a condizione che a tutte le persone presenti, secondo il disposto dell’art. 2.1 lett. d, f, h, i, del Decreto venga garantita la possibilità di “rispettare la distanza tra loro di almeno un metro”;)

*** in chiesa o in cimitero.

Avviso riguardante l’uso delle Cappelle dell’obitorio dell’ospedale S.Bortolo e del Cimitero Maggiore di Vicenza nell’emergenza del coronavirus

Al fine di evitare il diffondersi del contagio del coronavirus e viste le attuali disposizioni civili e diocesane che chiedono di evitare assembramenti di persone, chiedo ai presbiteri del nostro Vicariato, al gruppo di diaconi che fanno il servizio di benedizione delle salme e alle Imprese Onoranze Funebri di

 evitare l’uso della Cappella dell’obitorio dell’ospedale civile e la Cappella del

Cimitero Maggiore per celebrare il “Rito Esequiale in forma breve”, previsto dalla

diocesi per questo periodo (rito che si può fare in chiesa parrocchiale o presso la

tomba) o la benedizione della salma in occasione della chiusura della bara (rito che

si fa nelle “celle” e a cui è delegata l’equipe dei diaconi operanti presso l’obitorio).

 ricordo che l’uso della Cappella dell’obitorio dell’ospedale è utilizzabile solo in casi

particolari e con l’autorizzazione del vicario cittadino.

 invitare i familiari dei defunti a limitare la partecipazione alla benedizione della

salma in occasione della chiusura della bara ai soli parenti stretti.

 consiglio vivamente i presbiteri di lasciare che siano solo i nostri diaconi volontari presso l’obitorio a svolgere il servizio di benedizione delle salme presso le celle mortuarie.

Vi saluto, ringraziandovi per la comprensione e collaborazione in questo momento delicato e confidando nel senso di responsabilità di ciascuno

Il Vicario Urbano

don Lorenzo Broggian

Post Navigation