CURIA VESCOVILE DI VICENZA

Il Vicario Generale

Prot. Gen.: 44712020

dicembre 2020

Condivido con voi alcune indicazioni liturgico-pastorali in vista dell’ormai prossimo Natale.

1. La celebrazione del Sacramento della Riconciliazione

Il rito per la celebrazione della Riconciliazione prevede tre forme: la riconciliazione dei singolipenitenti; la riconciliazione di più penitenti con la confessione e l’ assoluzione individuale; la riconciliazione di più penitenti con la confessione e l’assoluzione generale. Per quanto possibile si mantenga la celebrazione secondo la prima e la seconda forma. Nelle attuali circostanze pandemiche si è ritenuto opportuno autorizzare a determinate condizioni anche la terza forma (Cfr.

Allegati: Decreto Prot. Gen. 446/202 e materiale predisposto dall’Ufficio Liturgico diocesano”Liturgia penitenziale” e “Rito della Riconciliazione “). Si raccomanda in ogni caso il rispetto delle norme igienico-sanitarie e di distanziamento. Circa la celebrazione nella terza forma nelle case di riposo si raccomanda:

• di avere l’autorizzazione dei responsabili delle strutture e in collaborazione con gli operatori sanitari;

• di sollecitare la richiesta e il consenso dei singoli;

• di rispettare le norme igienico-sanitarie.

2. Le celebrazioni Eucaristiche per il Natale

Considerata la possibilità che numerosi fedeli desiderino partecipare alle celebrazioni del Natale(soprattutto quelle della Vigilia e del giorno di Natale), per prevenire assembramenti di persone si valuti di prevedere un numero maggiore di celebrazioni Eucaristiche. Laddove l’aumento di celebrazioni richieda un aiuto, si consiglia di rivolgersi al Vicario Foraneo o al Vicario Generale. Si abbia l’avvertenza di collocare le celebrazioni della stessa unità pastorale in orari non sovrapposti e di tener conto dell’orario limite delle ore 22.00 per il rientro a casa.

3. Altre indicazioni

Per quanto riguarda la visita e la comunione agli ammalati, i ministri ordinari e i ministri straordinari potranno rendersi disponibili solo in caso di situazioni gravi e con l’esplicito consenso dei familiari, sempre rispettando le precauzioni sanitarie (uso della mascherina, distanza interpersonale di un metro, igienizzazione delle mani con apposito detergente prima e dopo aver comunicato l’infermo, ecc.).

Per il “canto della stella” è necessaria l’autorizzazione dell’amministrazione comunale. Si raccomanda inoltre di coinvolgere un numero limitato di persone (quattro o cinque al massimo), non provocare assembramenti e non entrare nelle abitazioni.

Per gli impianti di riscaldamento è consigliato sospendere la funzione di ricircolo dell’aria durante le celebrazioni o gli incontri. Se ciò non fosse possibile, è comunque consentito prevedere un funzionamento minimo. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria dopo ogni celebrazione e va garantita la pulizia dei filtri dell’aria di ricircolo. È necessario verificare il tutto con un tecnico che potrà anche valutare altre soluzioni di funzionamento.

Sentito il Prefetto di Vicenza, si conferma per i presbiteri la possibilità di spostamento tra comuni nei giorni 25 e 26 dicembre e 1 gennaio per ragioni di ministero.

4. Iniziative a livello Triveneto

I Vescovi del Triveneto, in comunione con la CEI, ci propongono alcune iniziative:

a) Una celebrazione Eucaristica, presieduta dal Vescovo, nel santuario di Monte Berico,

venerdì 18 dicembre alle ore 17.00, alla presenza delle autorità civili e sanitarie, comecelebrazione di ringraziamento e affidamento.

b) Una breve preghiera in tutte le famiglie e comunità domestiche, alla sera della Quartadomenica di Avvento (20 dicembre). La preghiera sarà accompagnata dal segno di una luce posta sul davanzale. L’Ufficio Liturgico predisporrà un apposito schema.

c) Una raccolta di solidarietà in tutte le celebrazioni della domenica 27 dicembre, Festa dellaSacra Famiglia, a favore delle famiglie in difficoltà. Le offerte possono essere indirizzate al progetto IO(N)OI della Caritas diocesana.

d) L’Adorazione Eucaristica nel pomeriggio della Solennità dell’Epifania per ravvivare lasperanza di noi tutti e pregare per le tante vittime di questo periodo. L’Ufficio Liturgico predisporrà uno schema per l’Adorazione.

Con la speranza che tali indicazioni possano aiutare il cammino nostro e delle nostre comunità in questo tempo particolare, Vi saluto cordialmente.

Il Vicario generale

Post Navigation