palme

La domenica delle Palme…

introduce alla Pasqua, ed è una celebrazione a due facce. La prima è quella che le dà il nome, con la benedizione e la distribuzione dei rami di palma o d’ulivo, per ricordare il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme, accolto da una folla festante con l’agitare appunto le fronde allora disponibili. L’altra faccia anticipa il racconto di quanto poi si celebrerà lungo la settimana: seguendo gli ultimi atti della vicenda terrena di Gesù, giovedì si fa memoria della sua ultima Cena, un evento articolato che comprende il tradimento di Giuda, la lavanda dei piedi agli apostoli (in varie chiese compiuta anche in forma fisica, col sacerdote che lava i piedi a dodici persone, rappresentanti appunto gli apostoli) e soprattutto l’istituzione dell’Eucaristia, nonché del sacerdozio che la rinnova a beneficio di tutti i fedeli. Venerdì si ricordano le indicibili sofferenze della Passione (Gesù processato, flagellato, coronato di spine, condotto al calvario portando la croce, crocifisso, agonizzante) seguita dalla morte e dalla sepoltura; e sabato, dopo tutto un giorno di silenziosa attesa, al calare della notte si celebra la veglia in attesa della Risurrezione.

Il racconto evangelico della Passione è nella versione secondo Luca.  La circostanza rende di grande rilievo le (comprensibilmente poche) parole pronunciate da Gesù in croce che in Luca sono la traduzione di ciò che la Parola di Dio essenzialmente opera e sente nel dolore di Cristo. (V. Balth.)

La prima frase è riferita a quanti lo stavano inchiodando al legno: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”. Quale sublimità! Coerente sino all’ultimo con quanto aveva insegnato, Gesù offre qui il massimo esempio dell’amore. Viene da chiedersi se quanti si ritengono suoi discepoli sanno fare altrettanto; se, pur ben lontani dall’essere crocifissi, sanno sempre perdonare le offese ricevute.

La seconda frase è rivolta al cosiddetto buon ladrone: “In verità io ti dico: oggi sarai con me nel paradiso”. Parole dette a un brigante, che all’ultimo ha avuto fede in lui; ma parole rivolte anche a chiunque si senta gravato da colpe: e chi, tanti o pochi, non porta simili pesi? Nessuno da solo se ne può liberare la coscienza; ma tutti lo possono fare, rivolgendosi a lui.

La terza frase di Gesù in croce è costituita dalle ultimissime parole, pronunciate prima di spirare: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Nell’apice della desolazione egli non ha perso la fiducia, guarda oltre il momento presente, sa di poter contare sull’infinto amore del Padre. Quel Padre, come egli ha insegnato, che è suo e anche nostro: c’è da chiedersi se noi, che non saremo mai tanto desolati quanto lo è stato lui in croce, abbiamo fiducia, sappiamo guardare oltre, viviamo nella consapevolezza che il Padre suo è anche il Padre nostro. Padre, perdona loro… Sarai con me nel paradiso… Padre, mi consegno nelle tue mani… Tre frasi, più che eloquenti. Il Figlio di Dio ha condiviso la nostra umanità; ha insegnato come darle senso e valore, e lui per primo, quegli insegnamenti, li ha messi in pratica.

Post Navigation