ATTIVITA’ PER MINORI – linee guida

EMERGENZA COVID-19 – REGIONE VENETO

Prevenzione della diffusione di SARS-CoV-2

LINEE DI INDIRIZZO

Organizzazione delle attività educative e

ricreative per i minori

Maggio 2021 – Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minor

PREMESSA

L’attuale scenario epidemiologico e la sua prospettiva di evoluzione nel medio termine, costante oggetto di

monitoraggio da parte della Regione del Veneto, evidenzia la necessità di fornire linee di indirizzo specifiche per

le attività educative non formali e informali, e ricreative nel rispetto dell’ordinanza del Ministro della Salute del

21.05.2021 “Linee guida per la gestione in sicurezza di attività educative non formali e informali, e ricreative,

volte al benessere dei minori durante l’emergenza COVID-19”.

Considerato che l’attivazione di questi servizi, oltre che consentire la conciliazione vita-lavoro, risulta prioritaria

per la tutela del benessere dei minori in un’ottica di continuità del percorso educativo, di crescita e di

socializzazione, è necessario identificare dei principi che ne consentano lo svolgimento in sicurezza. Allo stesso

tempo, tali principi devono considerare l’importanza di limitare, per quanto possibile, il coinvolgimento della

comunità nell’eventualità di casi confermati di COVID-19 nei prossimi mesi. L’impatto delle misure di sanità

pubblica a seguito di un caso di COVID-19 (es. quarantene per bambini e genitori, chiusura della struttura,

screening di massa, ecc.) dipenderà fortemente dagli interventi di carattere organizzativo preventivamente

adottati.

I principi su cui si fondano le indicazioni contenute nel presente documento derivano oltre che dall’ordinanza

anche dalle recenti circolari in tema di aggiornamento sulle misure di quarantena e di isolamento1.

Va, altresì, considerata l’impossibilità di applicare, nel contesto dei servizi per la fascia d’età 0-6, tutte le

misure standard di prevenzione prescritte alla popolazione generale e ai bambini/ragazzi di età superiore (es.

utilizzo della mascherina, distanziamento interpersonale, igiene respiratoria, ecc.). Risulta, dunque,

indispensabile individuare e rispettare alcuni principi di prevenzione specifici per il contesto dei servizi per

l’infanzia 0-6 anni.

Fondamentale risulterà, inoltre, la sorveglianza e l’individuazione precoce di eventuali soggetti sospetti e/o

positivi in stretta collaborazione con genitori, Servizi per l’infanzia, Medici di Medicina Generale, Pediatri di

Libera Scelta e Servizi di Igiene e Sanità Pubblica.

Il presente documento potrà essere oggetto di rivalutazione nel tempo in considerazione di eventuali nuove

indicazioni di carattere scientifico, delle raccomandazioni nazionali ed internazionali e in funzione

dell’evoluzione dello scenario epidemiologico nazionale e regionale.

1 Circolare Ministero della Salute prot. n.22746 del 21.05.21 “Aggiornamento sulla definizione di caso COVID-19 sospetto per

variante VOC 202012/01 e sulle misure di quarantena e di isolamento raccomandate alla luce della diffusione in Italia delle

nuove varianti SARS-CoV-2”.

1

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

SOMMARIO

1. STABILITÀ DEI GRUPPI 3

2. ASPETTI ORGANIZZATIVI 4

2.1 Organizzazione degli spazi 4

2.2 Accesso quotidiano e modalità di accompagnamento e ritiro dei minori 4

2.3 Registrazione degli accessi 4

2.4 Fornitori della struttura 4

2.5 Programmazione delle attività 5

2.6 Informazione per personale, genitori e bambini 5

2.7 Sicurezza dei pasti 5

2.8 Sicurezza durante visite, escursioni e gite 5

2.9 Pernottamento 6

2.10 Elementi di informazione per gli operatori, educatori e animatori, anche volontari 6

3. INDICAZIONI IGIENICO SANITARIE 6

3.1 Alleanza tra genitori e servizi per i minori 6

3.2 Dispositivi di protezione 7

3.3 Misure di igiene personale 7

3.4 Misure di igiene di spazi, ambienti, materiali, oggetti e giocattoli 7

4. DISABILITA’ E INCLUSIONE 8

5. GESTIONE DEI CASI CONFERMATI E SOSPETTI 8

6. INTERFACCIA TRA SERVIZIO SANITARIO E SERVIZI EDUCATIVI/RICREATIVI 9

6.1 Interfaccia nel SSN 9

6.2 Interfaccia nei servizi educativi e ricreativi per i minori 9

APPENDICE 1. FAC-SIMILE DI PATTO DI RESPONSABILITÀ RECIPROCA 10

2

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

1. STABILITÀ DEI GRUPPI

In linea con quanto previsto nei documenti nazionali, il mantenimento della distanza interpersonale è un

obiettivo che può essere perseguito solo compatibilmente con il grado di autonomia e di consapevolezza dei

minori, in considerazione dell’età degli stessi, e senza comunque compromettere la qualità dell’esperienza

educativa, al fine di garantire una serena vita di relazione nel gruppo di pari e nell’interazione con le figure

adulte di riferimento. Sulla base di tali considerazioni, le attività e le strategie dovranno essere modulate in ogni

contesto specifico con la consapevolezza che tale misura di prevenzione non può ovviamente essere reputata

sempre applicabile. In egual misura, nel contesto dei servizi per l’infanzia risultano di difficile applicazione, da

parte dei bambini della fascia d’età 0-6 anni, anche altre indicazioni igienico-comportamentali normalmente

raccomandate in diversi contesti della vita quotidiana (es. utilizzo della mascherina, igiene respiratoria e delle

mani, automonitoraggio delle condizioni cliniche, ecc.).

Ciò premesso, con l’obiettivo di poter garantire la qualità dell’esperienza educativa riducendo allo stesso tempo

il più possibile il rischio di contagio e limitando l’impatto di eventuali disposizioni di sanità pubblica in presenza

di casi di COVID-19, dovrà essere favorita l’organizzazione di gruppi di minori il più possibile stabili nel tempo,

limitando i contatti tra gruppi diversi. Tale stabilità deve essere ricercata, nel rispetto della migliore

organizzazione possibile, anche mantenendo lo stesso personale a contatto con lo stesso gruppo di minori. Nel

caso in cui ciò non fosse praticabile è necessario garantire la registrazione di tutte le eventuali attività di

contatto tra gruppi diversi di bambini o personale educativo, al fine di favorire le necessarie azioni di sanità

pubblica nell’evenienza di un caso confermato di COVID-19.

La strategia descritta consente, in presenza di un caso confermato di COVID-19, di restringere la diffusione del

contagio a tutela della salute dei bambini, del personale e della comunità in genere, e allo stesso tempo di

contenere il numero di soggetti considerabili “contatti stretti”, in modo da limitare l’impatto delle disposizioni

contumaciali (quarantena) su bambini, operatori e genitori garantendo, al contempo, la continuità del

servizio educativo.

3

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

2. ASPETTI ORGANIZZATIVI

L’accesso alle attività deve avvenire previa iscrizione.

2.1 Organizzazione degli spazi

In considerazione della necessità di favorire il distanziamento interpersonale, compatibilmente con l’età ed il

grado di autonomia, si rende opportuno organizzare una pluralità di spazi per lo svolgimento delle attività

programmate o comunque favorire l’utilizzo di ambienti di dimensioni tali da consentire di mantenere i gruppi

opportunamente separati, eventualmente prevedendo la presenza di divisori fisici che garantiscano la non

intersezione tra i diversi gruppi. Le verifiche sulla funzionalità dell’organizzazione dello spazio ad accogliere le

diverse attività programmate non possono prescindere dalla valutazione della sua adeguatezza dal punto di

vista della sicurezza. Tali spazi devono essere puliti prima dell’eventuale utilizzo da parte di gruppi diversi. Si

raccomanda, inoltre, una frequente ed adeguata aerazione degli ambienti, in particolare quando utilizzati da

differenti gruppi di bambini.

Nella stessa ottica di prevenzione, è consigliabile utilizzare il più possibile gli spazi esterni, compatibilmente

con le condizioni climatiche, organizzando le opportune turnazioni, valorizzando sia gli ambienti già a

disposizione sia reperendo, ove attuabile, spazi aggiuntivi.

2.2 Accesso quotidiano e modalità di accompagnamento e ritiro dei minori

I gestori devono prevedere punti di accoglienza per l’entrata e l’uscita all’area dedicata alle attività nel rispetto

dei seguenti criteri:

– se possibile, organizzare la zona di accoglienza all’esterno, segnalando con appositi riferimenti le

distanze da rispettare; qualora in ambiente chiuso, si dovrà provvedere con particolare attenzione alla

pulizia approfondita e all’aerazione frequente e adeguata dello spazio;

– quando realizzabile, differenziare i punti di ingresso dai punti di uscita, con individuazione di percorsi

obbligati, ricorrendo eventualmente a ingressi e uscite scaglionati;

– prevedere un’organizzazione anche su turni per l’accesso alla struttura, al fine di evitare assembramenti

di genitori e/o accompagnatori all’esterno della struttura stessa, eventualmente ampliando gli orari di

ingresso ed uscita;

– prevedere la presenza di idonei dispenser di soluzione idroalcolica opportunamente segnalati per

l’igienizzazione delle mani prima di entrare e uscire dalla struttura. All’ingresso dell’area di

accoglienza/commiato, e comunque prima di procedere ad entrare in contatto con qualsiasi superficie

o oggetto, l’accompagnatore dovrà lavarsi le mani con soluzione idroalcolica.

2.3 Registrazione degli accessi

Per favorire l’attuazione delle misure organizzative idonee alla limitazione del contagio ed al tracciamento di

eventuali contatti si dovrà tenere il registro di presenze giornaliero dei bambini e del personale con recapito

telefonico, da mantenere per un periodo di almeno 14 giorni o superiore se possibile.

2.4 Fornitori della struttura

È opportuno limitare per quanto possibile l’accesso di eventuali figure o fornitori esterni. In caso di consegna

4

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

merce, occorre evitare di depositarla negli spazi dedicati alle attività con i minori.

2.5 Programmazione delle attività

Si raccomanda di elaborare una tabella di programmazione delle attività che segnali, per ogni diverso momento

della giornata, la diversa attribuzione degli spazi disponibili ai diversi gruppi. Tale strumento è da considerarsi

come un elemento utile alla definizione di un’organizzazione che rispetti i principi del presente documento,

consentendo allo stesso tempo di registrare, e recuperare nell’eventualità di un caso confermato di COVID-19,

anche a distanza di giorni, informazioni relative alle diverse attività svolte, agli spazi utilizzati e al coinvolgimento

ed interazione con i gruppi di eventuali figure trasversali. Complemento integrativo della tabella di cui sopra

potranno essere i tempi da prevedersi per le operazioni di pulizia degli spazi nel caso gli stessi siano utilizzati, in

diversi momenti della giornata, da diversi gruppi di bambini.

2.6 Informazione per personale, genitori e bambini

Si raccomanda di predisporre idoneo materiale informativo da appendere e/o consegnare al personale e ai

genitori, in tutte le occasioni opportune, rispetto alle indicazioni igienico-comportamentali da tenere per

contrastare la diffusione di SARS-CoV-2, utilizzando eventualmente i manifesti e le grafiche realizzate dalla

Regione del Veneto o dal Ministero della Salute, disponibili sui rispettivi siti istituzionali. Si raccomanda, inoltre,

di affliggere idonea segnaletica, anche con pittogrammi affini ai bambini, nei luoghi con una visibilità

significativa (es. presso le entrate in struttura, le aree destinate al consumo dei pasti, le aree destinate al riposo

pomeridiano) che promuova misure protettive giornaliere.

2.7 Sicurezza dei pasti

Nel rispetto dei principi di cui ai punti precedenti, anche l’utilizzo degli spazi dedicati alla refezione deve essere

organizzato in modo da evitare, ove possibile, la contemporanea presenza di gruppi diversi di bambini e

l’affollamento dei locali ad essa destinati, a meno che le dimensioni dell’ambiente non consentano di

mantenere i gruppi opportunamente separati. Nel caso questo non fosse possibile, si potranno prevedere turni

di presenza dei gruppi o la compresenza di più gruppi, limitandone il numero per quanto possibile,

opportunamente separati gli uni dagli altri, ove possibile anche attraverso idonei divisori fisici. In alternativa, si

potrà consumare il pasto nelle aule/stanze o negli spazi utilizzati per le attività ordinarie, garantendo

l’opportuna aerazione e sanificazione degli ambienti e degli arredi utilizzati prima e dopo ogni turno.

In particolare, nel rispetto delle normative vigenti in materia di preparazione dei pasti:

– gli spazi per il pasto devono prevedere una disposizione dei tavoli che consenta il mantenimento della

separazione e non intersezione tra gruppi diversi di bambini;

– è preferibile usare posate, bicchieri e stoviglie personali o monouso e biodegradabili; in alternativa, il

gestore deve garantire che le stoviglie siano pulite con sapone ed acqua calda o tramite una

lavastoviglie; dovrà in ogni caso essere evitato un utilizzo promiscuo di bottiglie, bicchieri, posate, ecc.;

– gli operatori devono lavarsi le mani prima di preparare il pasto e dopo aver aiutato eventualmente i

bambini;

2.8 Sicurezza durante visite, escursioni e gite

Possono essere organizzate visite e gite in giornata, sempre nel rispetto delle vigenti disposizioni di sicurezza

con particolare riguardo al settore trasporti.

5

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

2.9 Pernottamento

Lo spazio riposo/pernottamento, laddove presente, deve essere organizzato nel rispetto delle indicazioni

sanitarie di seguito riportate:

– i letti o materassini e la relativa biancheria (es. lenzuola) devono essere ad uso del singolo bambino; si

raccomanda che la biancheria utilizzata dai minori venga lavata regolarmente e comunque prima

dell’utilizzo da parte di un’altra persona;

– prevenire la condivisione di spazi comuni per i pernottamenti, e comunque assicurare la distanza di

almeno un metro fra i letti, con eventuale inversione alternata delle testate degli stessi;

– assicurare la distanza di almeno un metro anche durante l’igiene personale dei minori;

– giornalmente deve essere misurata la temperatura corporea;

– è consigliato prevedere un erogatore di gel idroalcolico per le mani all’ingresso di ogni camera o tenda,

se possibile, altrimenti in aree predisposte e di facile accesso.

2.10 Elementi di informazione per gli operatori, educatori e animatori, anche volontari

– E’ consentita la possibilità di coinvolgimento degli operatori, educatori e animatori, anche volontari,

opportunamente informati e formati sui temi della prevenzione di COVID-19, nonché per gli aspetti di

utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e delle misure di igiene e pulizia;

– il gestore può impiegare personale ausiliario o di supporto per specifiche attività (es maestri di

musica), o in sostituzione temporanea di altri operatori, educatori o animatori, anche volontari,

responsabili dei gruppi;

– il gestore deve individuare un referente per COVID-19 all’interno della propria struttura che

sovraintenda il rispetto delle disposizioni previste nel seguente documento.

3. INDICAZIONI IGIENICO SANITARIE

3.1 Alleanza tra genitori e servizi per i minori

Per poter assicurare un adeguato svolgimento delle attività, sarà fondamentale costruire un percorso volto a

rafforzare il coinvolgimento dei genitori attraverso un patto di corresponsabilità al fine di concordare,

responsabilmente, modelli di comportamento finalizzati al contenimento del rischio di diffusione di COVID-19,

nel rispetto delle indicazioni contenute nel presente documento. Dovrà, inoltre, essere garantita una forte

alleanza tra genitori e servizi educativi, volta a favorire una comunicazione efficace e tempestiva in sinergia con

Pediatra di Libera Scelta, il Medico di Medicina Generale e i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica.

In considerazione del fatto che nella maggior parte dei casi l’espressività clinica di COVID-19 in età pediatrica si

caratterizza per forme asintomatiche o paucisintomatiche a carico principalmente degli apparati respiratorio e

gastrointestinale, particolare attenzione deve essere posta alle condizioni di salute anche dei genitori,

familiari e conviventi di tutti i bambini che frequentano la struttura. In virtù di questo elemento, la

sintomatologia di un familiare/convivente del minore dovrà, in via prudenziale, essere considerato un

campanello d’allarme, anche in assenza di sintomi nel bambino, richiedendo le opportune sinergie con Pediatra

di Libera Scelta, Medico di Medicina Generale del genitore/convivente e Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, al

fine di valutare la situazione clinica specifica. Fondamentale è quindi la collaborazione con i genitori, che non

dovranno portare il minore al servizio educativo in caso di sintomatologia del minore o anche dei suoi

conviventi.

6

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

Al primo ingresso nell’area dedicata alle attività, chi esercita la responsabilità genitoriale, per se stesso e per

conto del minore firma il “patto di responsabilità reciproca” (appendice 1) assieme al responsabile del Servizio.

Gli operatori, educatori o animatori, anche volontari, e gli accompagnatori dei minori autocertificano di:

– non avere temperatura corporea superiore ai 37.5°C o alcuna sintomatologia respiratoria o altro

sintomo compatibile con COVID-19, né aver avuto tali sintomi nei 3 giorni precedenti;

– non essere in stato di quarantena o isolamento domiciliare.

Per quanto concerne le verifiche giornaliere, l’operatore addetto all’accoglienza deve misurare la temperatura

dell’iscritto o del membro del personale, dopo aver igienizzato le mani, con rilevatore di temperatura corporea

o termometro senza contatto. Il termometro o rilevatore deve essere pulito con una salvietta igienizzante o

cotone imbevuto di alcol prima del primo utilizzo, in caso di contatto, alla fine dell’accoglienza e in caso di

possibile contaminazione.

3.2 Dispositivi di protezione

Le mascherine devono essere indossate da tutto il personale e da tutti gli iscritti, così come previsto dalla

normativa vigente. Si precisa che per i bambini iscritti al servizio per l’infanzia non vige l’obbligo di indossare la

mascherina, come peraltro previsto per i minori di 6 anni di età. Pertanto, non essendo possibile garantire il

distanziamento fisico dal bambino, può essere previsto per gli operatori l’utilizzo di ulteriori dispositivi (es.

visiera, guanti) oltre alla consueta mascherina chirurgica.

Il Datore di Lavoro è tenuto a garantire la fornitura di tutti i DPI previsti al personale, preferibilmente

mascherine e DPI colorati e/o con stampe per evitare diffidenza da parte dei bambini. Inoltre deve prevedere

sufficienti scorte di mascherine di tipo chirurgico, sapone, gel idroalcolico per le mani, salviette asciugamani in

carta monouso, salviette disinfettanti e cestini per i rifiuti provvisti di pedale per l’apertura, o comunque che

non prevedano contatto con le mani.

3.3 Misure di igiene personale

Vista la difficoltà dei bambini più piccoli di aderire a tutte le misure igienico-sanitarie previste, attenzioni

specifiche andranno poste per favorire la frequente e corretta igiene delle mani (lavaggio con acqua e sapone o

con soluzione idroalcolica) dei bambini e del personale, anche attraverso modalità ludico-ricreative. Dovrà,

quindi, essere prevista la disponibilita di soluzioni o gel a base alcolica in diversi punti della struttura, posizionati

fuori dalla portata dei bambini, con particolare attenzione alle zone di ingresso e uscita, per consentire facile

accesso agli operatori, fornitori e genitori/accompagnatori.

3.4 Misure di igiene di spazi, ambienti, materiali, oggetti e giocattoli

Occorre garantire una pulizia approfondita giornaliera degli ambienti e delle superfici, con particolare

attenzione agli arredi e alle superfici toccate più frequentemente (es. porte, maniglie, finestre, tavoli,

interruttori della luce, servizi igienici, rubinetti, lavandini, scrivanie, sedie, giochi, ecc.), che andranno

disinfettate regolarmente almeno una volta al giorno.2-3

3 Rapporto ISS COVID-19 n.5/2020 “Indicazioni ad interim per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor in relazione

alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2 – Gruppo di Lavoro ISS Ambiente e Qualità dell’Aria Indoor

2 Rapporto ISS COVID-19 n. 25/2020 Raccomandazioni ad interim sulla sanificazione di strutture non sanitarie nell’attuale

emergenza COVID-19: superfici, ambienti interni e abbigliamento. Versione del 15 maggio 2020”

7

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

Una particolare attenzione deve essere rivolta a tutti gli oggetti che vengono a contatto con i bambini (fasciatoi,

seggioloni, lettini, postazioni di gioco, banchi, ecc.), a quelli utilizzati per le attività ludico-ricreative e a giochi e

giocattoli, ricordando che questi dovranno essere ad uso di un singolo “gruppo” di bambini, mentre se usati da

più “gruppi” di bambini è opportuno che vengano disinfettati prima dello scambio.

Si raccomanda l’utilizzo di materiale ludico, didattico, oggetti e giocattoli facilmente lavabili, assegnati in

maniera esclusiva a un gruppo di bambini. Ove possibile, favorire una programmazione di attività che eviti l’uso

promiscuo di giocattoli, con particolare attenzione a quelli che possono essere portati alla bocca e condivisi tra i

bambini stessi.

4. DISABILITA’ E INCLUSIONE

Nella consapevolezza delle particolari difficoltà che le misure restrittive per contenere i contagi comportano per

i bambini con disabilità e stante la necessità di garantire una graduale ripresa della socialità, particolare

attenzione e cura vanno rivolte alla realizzazione di attività inclusive ed alle misure di sicurezza specifiche per

favorire il pieno coinvolgimento di tutti i bambini. Dovrà essere effettuata un’attenta analisi della situazione

specifica, per evitare di esporre a rischi ulteriori situazioni già fragili, o che si presentano particolarmente

critiche, sia per quanto riguarda i minori con disabilità o patologie specifiche, sia in caso di familiare/convivente

affetto da condizioni che possano determinare una situazione di maggiore rischio di infezione da SARS-CoV-2.

Il personale coinvolto deve essere adeguatamente formato anche a fronte delle diverse modalità di

organizzazione delle attività, tenendo conto delle difficoltà di mantenere il distanziamento, così come della

necessità di accompagnare bambini con disabilità nel comprendere il senso delle misure di precauzione.

Qualora necessario, deve essere potenziata la dotazione di operatori, educatori o animatori in presenza di

bambini con disabilità e/o in situazioni di particolare fragilità, fino a portare eventualmente il rapporto

numerico a un operatore per ogni bambino inserito. Nel caso specifico di bambini non udenti, può essere

previsto l’utilizzo di mascherine trasparenti per garantire la comunicazione con gli altri individui attraverso la

lettura labiale.

Per il personale impegnato nelle attività educative e di assistenza di bambini con disabilità, il Protocollo di

sicurezza potrà prevedere l’utilizzo di ulteriori dispositivi di protezione individuale (nello specifico, il lavoratore

potrà usare, unitamente alla mascherina, guanti e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose).

Nell’applicazione delle misure di prevenzione e protezione si dovrà necessariamente tener conto della tipologia

di disabilità.

In alcuni casi è opportuno prevedere, se possibile, un educatore professionale o un mediatore culturale,

specialmente nei casi di minori che vivono fuori dalla famiglia d’origine, minori stranieri, non accompagnati.

5. GESTIONE DEI CASI CONFERMATI E SOSPETTI

Per quanto concerne le procedure specifiche per la gestione di casi sospetti o confermati di COVID-19 si

rimanda a quanto indicato nei documenti nazionali e regionali per le attività di contact tracing in tali contesti.

8

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

È, inoltre, opportuno predisporre spazi idonei ad ospitare bambini e/o operatori, educatori e animatori, anche

volontari, che manifestino sintomatologia sospetta, isolandoli dalle altre persone in attesa che vengano

allontanati dalla struttura. Qualora un bambino o un operatore presenti sintomi suggestivi per COVID-19

durante le attività, deve essere immediatamente invitato a ritornare al proprio domicilio e a contattare il

Pediatra di Libera Scelta (PLS) o il Medico di Medicina Generale (MMG) per la valutazione clinica del caso.

Successivamente tutte le superfici dell’area di isolamento devono essere pulite e disinfettate adeguatamente. Si

precisa comunque che il bambino o l’operatore con sintomi sospetti non dovrà accedere al servizio.

A seguito di un caso confermato, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda ULSS territorialmente

competente, con le opportune sinergie con PLS e MMG, provvede alle necessarie azioni di sanità pubblica (es.

indagine epidemiologica, contact tracing, screening, chiusura temporanea della struttura, ecc.) e a fornire le

indicazioni relative agli interventi di sanificazione straordinaria della struttura scolastica. Per i minori, il

personale, oltre che per eventuali altri soggetti esterni individuati come contatti stretti del caso confermato, il

Servizio di Igiene e Sanità Pubblica provvede alle disposizioni di isolamento per il caso e di quarantena per i

contatti.

6. INTERFACCIA TRA SERVIZIO SANITARIO E SERVIZI EDUCATIVI/RICREATIVI

6.1 Interfaccia nel SSN

In accordo con quanto previsto dalle indicazioni nazionali, i Dipartimenti di Prevenzione hanno già identificato

le figure professionali che supportano i servizi per le attività di questo protocollo e che fanno da riferimento per

un contatto diretto con il Coordinatore dell’ente gestore o un suo incaricato. Come già avvenuto per le scuole,

devono essere definiti e testati i canali comunicativi (es. e-mail, messaggistica elettronica) che permettano una

pronta risposta alle richieste dei servizi e viceversa.

6.2 Interfaccia nei servizi educativi e ricreativi per i minori

Analogamente ogni servizio identifica un Referente per COVID-19, ove non si tratti dello stesso Coordinatore

dell’ente gestore, che svolga un ruolo di interfaccia con il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di

Prevenzione. Deve essere identificato un sostituto per evitare interruzioni delle procedure in caso di assenza del

referente. Per agevolare le attività di contact tracing garantite dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’ULSS

territorialmente competente, il Referente per COVID-19 dovrà garantire il supporto al Dipartimento di

Prevenzione ed in particolare essere in grado di fornire l’elenco dei bambini e degli operatori che hanno svolto

attività con il caso confermato, offrendo informazioni utili anche sul tipo di attività svolta, sulla durata e

sull’eventuale presenza di soggetti con fragilità. Devono essere definiti e testati i canali comunicativi (es. e-mail,

messaggistica elettronica) che permettano una pronta risposta alle richieste del Servizio di Igiene e Sanità

Pubblica del Dipartimento di Prevenzione.

9

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

APPENDICE 1. FAC-SIMILE DI PATTO DI RESPONSABILITÀ RECIPROCA

TRA IL GESTORE DEL SERVIZIO EDUCATIVO/RICREATIVO E LE FAMIGLIE DEI MINORI ISCRITTI

circa le misure organizzative, igienico-sanitarie e ai comportamenti individuali

volti al contenimento della diffusione del contagio da COVID-19

Il/la sottoscritto/a_____________________________________ nato/a a _______________________

il_________________ e residente in_____________________________________________________________

C.F.______________________________ in qualità di responsabile del servizio

______________________________________ sito in _______________________________________________

E

Il/la sottoscritto/a ____________________________________ nato/a a _______________________ il

________________, e residente in______________________________________________________________

C.F ___________________________ in qualità di genitore (o titolare della responsabilità genitoriale) di

_________________________________________, nato/a a _______________________________ il

_________________, e residente in ____________________________________________________________

C.F. ________________________________________ che frequenterà il suddetto servizio

entrambi consapevoli di tutte le conseguenze civili e penali previste in caso di dichiarazioni mendaci,

SOTTOSCRIVONO IL SEGUENTE PATTO DI RESPONSABILITÀ RECIPROCA INERENTE ALLA FREQUENZA DI

________________________________________________ AL SERVIZIO SOPRA MENZIONATO.

IN PARTICOLARE, IL GENITORE (O TITOLARE DELLA RESPONSABILITÀ GENITORIALE), consapevole che in età

pediatrica l’infezione è spesso asintomatica o paucisintomatica e che, pertanto, dovrà essere garantita una forte

alleanza tra le parti coinvolte e una comunicazione efficace e tempestiva in caso di sintomatologia sospetta

DICHIARA

● di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti alla data odierna;

● che il figlio o un convivente dello stesso all’interno del nucleo familiare non è sottoposto alla misura

della quarantena ovvero che non è risultato positivo al COVID-19;

● di auto-monitorare le proprie condizioni di salute, quelle del proprio figlio/a, dei familiari e conviventi,

avvalendosi anche del supporto del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta;

● di, ogni qualvolta il genitore stesso o il proprio/a figlio/a o uno qualunque dei familiari e conviventi,

presenti sintomi sospetti per COVID-19 (a titolo di esempio: febbre, difficoltà respiratorie, perdita del

gusto e/o dell’olfatto, mal di gola, tosse, congestione nasale, congiuntivite, vomito, diarrea, ecc.) di

rivolgersi tempestivamente al proprio Medico per le valutazioni del caso;

● di essere consapevole ed accettare che, in caso di insorgenza di febbre o di altra sintomatologia (tra

quelle sopra riportate), l’ente gestore provvede all’isolamento immediato e successivo allontanamento

del minore, a cura del genitore o altro adulto responsabile, invitandolo a contattare immediatamente il

Medico di Medicina Generale e/o al Pediatra di Libera Scelta per le valutazioni del caso e l’eventuale

attivazione delle procedure diagnostiche;

● di essere consapevole che la frequenza del servizio comporta il rispetto delle indicazioni

igienico-sanitarie previste;

● di essere stato adeguatamente informato dal gestore del servizio di tutte le disposizioni organizzative e

igienico-sanitarie per la sicurezza e per il contenimento del rischio di diffusione del contagio da

COVID-19;

● di impegnarsi ad adottare, anche nei tempi e nei luoghi della giornata che il proprio figlio non trascorre

al servizio educativo, comportamenti di massima precauzione circa il rischio di contagio;

● di essere consapevole che con la ripresa di attività di interazione, seppur controllate, non è possibile

azzerare il rischio di contagio, che invece va ridotto al minimo attraverso la scrupolosa e rigorosa

10

Linee di Indirizzo – Organizzazione delle attività educative e ricreative per i minori

osservanza delle misure di precauzione e sicurezza previste dalle linee di indirizzo regionali sopra

citate, e che per questo è importante la massima cautela anche al di fuori del contesto del servizio.

IN PARTICOLARE, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDUCATIVO, consapevole che in età pediatrica l’infezione è

spesso asintomatica o paucisintomatica e che, pertanto, dovrà essere garantita una forte alleanza tra le parti

coinvolte e una comunicazione efficace e tempestiva in caso di sintomatologia sospetta

DICHIARA

● di avere preso visione delle “Linee di indirizzo per l’Organizzazione delle attività educative e ricreative

per i minori” della Regione del Veneto e di attenersi alle indicazioni in esso contenute, nel rispetto

degli interventi e delle misure di sicurezza per la prevenzione e il contenimento della diffusione di

SARS-CoV-2;

● di aver fornito, contestualmente all’iscrizione, puntuale informazione rispetto ad ogni dispositivo

organizzativo e igienico-sanitario adottato per contenere la diffusione del contagio da COVID-19 e di

impegnarsi, durante il periodo di frequenza del servizio, a comunicare eventuali modifiche o

integrazioni delle disposizioni;

● di avvalersi di personale adeguatamente formato su tutti gli aspetti riferibili alle vigenti normative in

materia di organizzazione di servizi per l’infanzia, in particolare sulle procedure igienico-sanitarie di

contrasto alla diffusione del contagio;

● di impegnarsi a realizzare le procedure previste per l’ingresso e ad adottare tutte le raccomadazioni

igienico-sanitarie previste dalla normativa vigente e dalle linee di indirizzo regionale;

● di organizzare le attività evitando, nei limiti della miglior organizzazione possibile, attività di

intersezione tra gruppi diversi di bambini;

● di attenersi rigorosamente e scrupolosamente, nel caso di accertata infezione da COVID-19 da parte di

un bambino o adulto frequentante il servizio, a ogni disposizione dell’autorità sanitaria locale.

La firma del presente patto impegna le parti a rispettarlo in buona fede. Dal punto di visto giuridico non

libera i soggetti che lo sottoscrivono da eventuali responsabilità in caso di mancato rispetto delle normative

relative al contenimento dell’epidemia COVID-19, delle normative ordinarie sulla sicurezza sui luoghi di

lavoro, delle linee guida di carattere nazionale per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di

socialità e gioco per minori durante l’emergenza COVID-19 e delle sopracitate linee di indirizzo regionali per i

servizi educativi e ricreativi rivolti ai minori.

Il genitore (o titolare della responsabilità genitoriale) Il responsabile del servizio

_______________________________________ _______________________________________

11